Salute

Casi di morbillo in forte crescita in Toscana, la Asl invita a vaccinarsi

Sono 168 i casi di contagio di morbillo calcolati in Toscana nel 2017. Una crescita del virus che non si registrava da molti anni. La copertura vaccinale è molto più bassa rispetto alla soglia minima di protezione

Una crescita esponenziale che preoccupa. Da sei casi del 2016 ai 168 notificati alla Asl l'anno scorso: questi i dati resi noti dal'Azienda sanitaria Toscana centro, relativi ai territori di Firenze, Empoli, Pistoia e Prato, sulla diffusione morbillo. Numeri che spingono la Asl a rinnovare l'invito a vaccinarsi. Nello specifico, nel 2017, i casi di morbillo sono stati 124 a Firenze, 26 nell'area pistoiese, 9 in quella pratese e altri 9 a Empoli. Nel 2016 i casi registrati erano stati 3 ad Empoli e altri 3 a Firenze.
Ancora, a gennaio di quest'anno i casi notificati sono già stati 10 (9 a Pistoia e 1 a Prato). "Lo scorso anno - afferma la Asl - si è registrato un picco epidemico e i servizi di igiene e sanità pubblica, temono che possa ripetersi anche nell'anno in corso, dal momento che la copertura vaccinale della popolazione è ben inferiore al 95%, considerata la soglia minima di protezione per ridurre drasticamente la circolazione del virus. L'Azienda invita la popolazione a vaccinarsi, ricordando che il morbillo è una malattia molto contagiosa che può determinare complicanze anche gravi".