maturazione uve

Consorzio Vino Chianti, sarà vendemmia di "qualità"

Si dice soddisfatto il Presidente del Consorzio Vino Chianti, che ultimamente ha confermato l'intento di ampliare l'export dei prodotti vinicoli del famoso marchio, una politica di rinnovamento quella attuata da Giovanni Busi a discapito però delle vigne vecchie e più pregiate il cui ricavato verrà pagato molto meno in modo da incentivare solo le produzioni più moderne

Firenze. La Toscana terra di vino si appresta alla vendemmia 2017.
Si dice soddisfatto il Presidente del Consorzio Vino Chianti, che ultimamente ha confermato l'intento di ampliare l'export dei prodotti vinicoli del famoso marchio. Una politica di rinnovamento quella attuata da Giovanni Busi a discapito però delle vigne vecchie e più pregiate il cui ricavato verrà pagato molto meno in modo da incentivare solo le produzioni più moderne.
Nelle aspettative di Busi, la vendemmia sarà di qualità.

Così dichiara il Presidente del consorzio Vino Chianti: "Possiamo affermare senza dubbio che l'ondata di precipitazioni che ha colpito alcune zone della Toscana nella giornata di ieri ha salvato buona parte del raccolto del 2017.
Purtroppo le precipitazioni hanno coinvolto il territorio a macchia di leopardo e anche se nel complesso la situazione e' migliorata, ci auguriamo nuove piogge nei prossimi giorni soprattutto nelle zone dove l'acqua non e' caduta. Sara' una vendemmia di qualita' anche se la quantita' sara' inferiore rispetto alla media annuale.
Nelle vigne dove invece le precipitazioni sono state abbondanti assisteremo sicuramente ad una vendemmia eccellente, forse la migliore degli ultimi anni. Il clima che si e' creato e' decisamente ottimale per l'ultimo ciclo di maturazione delle uve.
Ci prepariamo ad affrontare gli ultimi preparativi con molta piu' serenita' e con grande ottimismo per tutte le nostre aziende in vista della vendemmia di settembre".

Categoria: