CONCERTI CLASSICA

Badia a Passignano, Festival di Pentecoste

Il ricco programma di concerti si svolgerà nel complesso monastico dell' Abbazia di Badia a Passignano, nella sala del Cenacolo del Ghirlandaio

Chianti Valdelsa. Musica di prestigio internazionale dal 2 al 18 Giugno, promossa dall’Unione comunale del Chianti fiorentino e dall’associazione Amici della Musica.
Nell'incantata cornice della Badia a Passignano, prende oggi vita il Festival di Pentecoste, la stagione culturale del Chianti e della Valdelsa.
Restaurato da poco l'affresco de “L'ultima cena” del Ghirlandaio, il ricco programma di concerti si svolgerà nel complesso monastico dell' Abbazia di Badia a Passignano, nella sala del Cenacolo del Ghirlandaio.
La direzione artistica è del pianista Tiziano Mealli, affiancato dalla partecipazione di nomi dello scenario musicale internazionale come Bruno Canino, Antonello Farulli, Andrea Nannoni, Cristophe Giovaninetti, il Quartetto di Torino, il Trio di Parma, il Quartetto Adorno.
S'inizia oggi alle ore 21.15 con musiche di Brahms.
Dichiara il Sindaco di Tavarnelle David Baroncelli: “La cultura è il vero motore della società e questa rassegna costituisce un esempio che possiamo realizzare grazie al percorso di collaborazione attivato con la comunità monastica ed in particolare con Don Lorenzo Russo cui rivolgo un sentito ringraziamento”.
Così commenta il presidente dell'Unione comunale Giacomo Trentanovi: “Il Festival, dedicato alla memoria di Andrea Tacchi, si inserisce in un territorio già permeato di arte e bellezza diffusa tra i borghi, i castelli, le abbazie, i monumenti, un mosaico di tesori che si esprime anche attraverso la cultura musicale che quest'anno avrà un ruolo di primo piano nella programmazione degli eventi dell'Unione comunale”.
Non poteva che essere Zubin Mehta a presiedere il comitato d'onore, costituito dai musicologi Luciano Alberti e Giorgio Vidusso, i sindaci di Tavarnelle e Barberino David Baroncelli e Giacomo Trentanovi, il pianista Andrea Lucchesini, lo scrittore Giorgio Van Straten, il direttore del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze Paolo Zampini, Alain Meunier, direttore della Scuola di Musica di Fiesole.
La Soprintendenza iniziò il resatauro più di dieci anni fa, ora, la sala del Cenacolo è tornata al suo splendore grazie al contributo della Fondazione americana Friends of Florence e di Marchesi Antinori.

Categoria: