FRONTIERA RIGNANO

Firenze, false cittadinanze italiane concesse ad extra comunitari

Oltre quaranta i brasiliani che hanno usufruito di quest'opportunità e a cui il Comune di Riganano ha concesso la residenza italiana: due rinvii a giudizio

Rignano (Firenze). Finiti nei guai il responsabile dell'ufficio anagrafico del Comune di Rignano ed una brasiliana di 46 anni.
Secondo la Procura di Firenze, la brasiliana ha offerto negli ultimi anni la possibilità di ottenere la cittadinanza italiana a suoi connazionali, in cambio di compensi, attraverso un accordo con l'impiegato comunale.
Oltre quaranta i brasiliani che hanno usufruito di quest'opportunità e a cui il Comune di Riganano ha concesso la residenza italiana.
La procedura si basava sul fatto che nessuno andava a controllare l'effettiva residenza degli extra comunitari che, secondo gli inquirenti usufruivano inizialmente di una residenza fittizia nell'abitazione della donna brasiliana.
Dopo un paio di mesi, infatti, presentandosi all'anagrafe, veniva rilasciata una carta d'identità valida anche per l'espatrio, avvalendosi di un diritto basato sul fatto che tutti costoro avessero un “avo italiano”.
Questa è la tesi dei difensori del dipendente comunale, ora rinviato a giudizio insieme alla “complice” brasiliana, entrambi accusati di falso.

Categoria: